Domande frequenti


Le risposte alle domande che più frequentemente ci vengono poste

1Cos'è l'HTTPS?
Hypertext Transfer Protocol Secure è una estensione dell’HTTP, viene usato come comunicazione sicura tra utente-e sito web.
La comunicazione viene codificata mediante un certificato di sicurezza SSL
Il certificato SSL è una buona prassi ma diventa necessario quanto si deve tutelare la privacy degli utenti e si gestiscono dati sensibili quali record anagrafici e password.
L'attivazione di HTTPS è praticamente un requisito di legge (adeguamento GDPR), ad esempio un sito "moderno" basato su CMS utilizza un'interfaccia di gestione il cui accesso è tutelato da password.
2A cosa serve la "privacy policy"?
I siti web e le applicazioni per dispositivi mobili sono obbligati dalle principali legislazioni internazionali a predisporre una Privacy e Cookie Policy.

In caso di omissione informativa (o informativa inidonea) la sanzione amministrativa può consistere nel pagamento di una somma da € 6.000 fino a € 36.000 (art. 161 d.lgs. 196/2003).
In caso di installazione di cookie sui terminali degli utenti senza il loro consenso la sanzione amministrativa può consistere nel pagamento di una somma da € 10.000 fino a €120.000 (art. 162 d.lgs. 196/2003).
3Quali sono i dati obbligatori che devono comparire sul sito web?

Nella prima pagina
La partita IVA deve essere necessariamente pubblicata sulla homepage del sito web (modifiche art. 35 d.p.r. 633/1972).
Sono soggetti a questo obbligo tutti i titolari di partita IVA.

Altri dati obbligatori per i siti web:

Ditta individuale
Nome, cognome o denominazione.
Indirizzo della sede legale.
Ufficio del registro delle imprese d’iscrizione.
Numero di repertorio economico amministrativo (REA).

Spa o Srl
Capitale sociale versato.
Indicazione di socio unico per Spa ed Srl unipersonale.
Ragione sociale del soggetto alla cui attività di direzione e di coordinamento la società è eventualmente soggetta (art. 2497-bis c.c.).

In caso di e-commerce sono necessari degli adempimenti aggiuntivi
In particolare, è importante inserire le condizioni generali di vendita del sito web che si applicano alla vendita online. L’utente/cliente deve potere visualizzare tutta una serie di informazioni attraverso il modulo di conferma d’ordine (prima e dopo l’acquisto).

4E' sicuro avere flash player sul sito?
Avere flash sul proprio sito vuol dire non essere considerato sicuro dall’utente finale. Flash ha problemi di sicurezza che sono incredibilmente facili da sfruttare per introdursi nelle amministrazioni dei siti e, con il passare del tempo, Flash è diventato notoriamente conosciuto come il punto di ingresso per molte violazioni della sicurezza (annunci fastidiosi, malware e la raccolta dei dati degli utenti ecc.). Un sito flash è pressoché inaccessibile ai motori di ricerca a meno di speciali accorgimenti che raramente sono seguiti. Flash è difficilmente accessibile dai dispositivi Mobili.
5Bisogna aggiornare i plugin del sito?
Se abbiamo un sito web creato con un CMS (WordPress, Prestashop, Joomla, Magento ecc.), i plugin che abbiamo scelto per perfezionare, migliorare e ottimizzare il nostro sito devono essere sempre aggiornati e perfettamente funzionanti. Il rischio principale è di esporsi a rischi di sicurezza definibili in: accessi indesiderati, perdita dei contenuti, cancellazione del sito, malware, ramsonware... Il rischio secondario è di incorrere in incompatibilità, malfunzionamenti, lentezza.
6Cos'è Google analytics anonimizzato?
Google analytics è uno strumento gratuito che serve per analizzare le statistiche dettagliate sui visitatori del proprio sito web, è uno strumento fondamentale per comprendere e ottimizzare la “performance” attraverso l'analisi dei dati.
La tutela della privacy prevede che l'indirizzo ip del visitatore sia "anonimizzato", in questo modo risulta impossibile definire l'esatta provenienza della visita rimanendo disponibile l'individuazione di una ipotetica zona di provenienza. L'anonimizzazione è una prassi necessaria (per essere conforme al GDPR e alla Cookie Law), il non rispetto a meno di particolari accorgimenti e di esplicite accettazioni può determinare sanzioni anche di elevato importo.
7Cos'è e come si interpreta il punteggio di pagespeed?
Pagespeed è un servizio gratuito messo a disposizione da Google e misura il rendimento di una pagina web rispetto a un indice che varia da 0-100 punti.
Questo indice ci aiuta a valutare la velocità della pagina e il comportamento sul web.
Maggiore è il punteggio, maggiore è la valutazione che google gli assegnerà rendendo migliore il posizionamento delle pagine web nell'indice dei risultati. Pagespeed è uno degli indici che utilizziamo per le valutazioni di velocità e di accessibilità, altri sono YSlow e alcuni marker di siti terzi.
8Cosa vuol dire sito responsive?
Il sito è responsive quando riconoscendo la risoluzione del dispositivo adatta il template grafico.
Non si propongono in layout responsive contenuti differenti ma si rende accessibile una forma grafica diversa.
I siti con versioni "mobile" e "desktop" (o altri dispositivi come tablet, lettori per disabilità, display interattivi, stampe) propongono nelle versioni in cui sono realizzati contenuti differenti, soluzioni grafiche personalizzate e funzionalità diversificate.
9Quanto è importante avere un sito veloce?
Una pagina che impiega moto tempo a caricarsi, con molta probabilità, verrà abbandonata dall’utente che non ritornerà più sul sito.
I motori di ricerca impiegando troppo tempo per accedere alle pagine le trascureranno cancellandone i contenuti dagli indici.
Gli strumenti offerti dai principali motori di ricerca propongono una serie iniziale di accorgimenti da seguire per ottimizzare e migliorare la velocità di un sito.
10Che cos'è la sitemap?
Si tratta di un file "Xml" usato dai motori di ricerca per accedere rapidamente alle pagine del sito.
Le pagine componenti il file sono sottoposte ad indicizzazione.
Nelle sitemap si può indicare anche se una pagina deve essere esclusa, la sua frequenza di aggiornamento e inserirla in settori di appartenenza.
Sitemap "alleggerisce" il lavoro del motore di ricerca che non è più obbligato a cercare i link ma ne effettua solo un controllo periodico. Il "favore" fatto al motore di ricerca viene ricompensato con un miglioramento di rating.
11Quanto testo bisogna scrivere?
Ultimamente si parla molto di "contenuti di qualità".
E' fondamentale inserire sul proprio progetto dei testi significativi e coerenti con la propria attività o comunque con quanto proposto all'utente finale.
L'importanza di scrivere testi di qualità fa si che il proprio sito possa essere referenziato meglio dai motori di ricerca.
Non esiste quindi una dimensione massima o minima, anche se il motore di ricerca valuta testi particolarmente estesi come inaccessibile agli utenti e quindi poco importanti.
Gli indici di maggiore importanza qualitativa in un testo sono: "freschezza" e "originalità".